Skip to main content

Come eliminare il limite di 255-260 caratteri nei path di file e cartelle in Windows 10

Introduzione

Se siete sviluppatori, sistemisti o utenti esperti in ambiente Windows è molto probabile che siate già al corrente della fastidiosa limitazione a 255-260 caratteri della dimensione di qualsiasi path di sistema – ovvero del percorso di file e cartelle. Nel caso in cui non ne abbiate mai sentito parlare, ecco un breve riepilogo:

In the Windows API (with some exceptions discussed in the following paragraphs), the maximum length for a path is MAX_PATH, which is defined as 260 characters. A local path is structured in the following order: drive letter, colon, backslash, name components separated by backslashes, and a terminating null character. For example, the maximum path on drive D is “D:\some 256-character path string<NUL>” where “<NUL>” represents the invisible terminating null character for the current system codepage. (The characters < > are used here for visual clarity and cannot be part of a valid path string.) [extract from this MSDN official guide].

A ben vedere si tratta di una singolare caratteristica residuale del filesystem NTFS, che oggi come oggi non ha più senso. Al tempo stesso non si tratta di un problema che riguarda la maggior parte degli utenti standard, che raramente avranno bisogno di creare strutture di cartelle annidate così lunghe.

Le cose cambiano non poco per gli sviluppatori e gli amministratori di sistema che hanno necessità di lavorare con strumenti pensati in ottica Linux, come ad esempio il package manager NPM, il quale viene utilizzato per distribuire numerosi software e librerie che fanno un largo uso di cartelle annidate: NodeJS, AngularJS, Angular2, React, SystemJS, solo per citarne alcuni. Le cose si aggravano ulteriormente se questi strumenti vengono utilizzati all’interno di Visual Studio 2015, il quale aggiunge la propria struttura (cartella soluzione + cartella progetto + altre sotto-cartelle come /src/ , /bin/ , /node_modules/  et. al.), che aumentano a dismisura le possibilità di raggiungere il suddetto limite.

 

(altro…)

 

Guida all’installazione di PHP Manager per IIS su Windows Server o Windows 10

Se siete degli affezionati utilizzatori di PHP su piattaforma Windows e Web Server IIS è probabile che già conosciate PHP Manager per IIS, un eccellente strumento gratuito che si integra con l’interfaccia utente dello strumento di amministrazione di IIS – ovvero IIS Manager – e che può essere utilizzato per svolgere una serie di funzioni utili, tra cui soprattutto le due seguenti:

  • Gestire le istanze/versioni/build di PHP a 32-bit e 64-bit installate sulla macchina.
  • Accedere e modificare i relativi file di configurazione PHP.INI.

Installare PHP Manager per IIS è molto semplice: basta lanciare il  Web Platform Installer dall’interfaccia di IIS Manager, quindi cercarlo tra gli strumenti gratuiti disponibili tramite la casella di ricerca.

(altro…)

 

Crash di Esplora Risorse che blocca il PC? Come risolvere senza riavviare

Che siate amministratori di sistema, sviluppatori o semplici utenti, vi sarà capitato molte volte di assistere al crash o al blocco repentino del programma Esplora Risorse, le cui conseguenze sono particolarmente fastidiose: nella maggior parte dei casi l’interfaccia risulta compromessa, con una gigantesca finestra “bianca” che non accenna a chiudersi e non consente di aprirne altre o di svolgere alcune operazioni.

Questa situazione tende a verificarsi con particolare frequenza quando lavoriamo su cartelle, percorsi o dischi di rete che improvvisamente spariscono o non sono più disponibili, ad esempio perché il server che li ospitava si disconnette o crasha: in quelle occasioni i protocolli di condivisione file di Windows danno il loro peggio, impantanandosi in timeout estremamente lunghi e bloccando nel contemnpo tutta l’applicazione nel disperato tentativo di connettersi a qualcosa che non c’è più. Non di rado questi tentativi si concludono con il crash di Esplora Risorse o, peggio ancora, con un suo blocco continuativo che ci spinge a effettuare un kill manuale del processo con CTRL-ALT-CANC, quindi Gestione Attività > Processi -> Kill.

(altro…)

 

Come aprire un file immagine con estensione DDS su Windows 10

Se vi siete imbattuti in questo articolo è probabile che abbiate appena scaricato un file DDS e non abbiate idea di come poterlo aprire.

Per chi non lo sapesse, l’estensione DDS è relativa al formato di immagine raster utilizzato da Microsoft per memorizzare le texture e gli ambienti dei videogiochi basati su DirectX / OpenGL.

Ad oggi, i file DDS sono prevalentemente utilizzati nel mondo dei videogiochi: un esempio su tutti è il celebre FPS in prima persona Counter-Strike: Global Offensive, noto anche come CSGOCS:GO, il quale utilizza i file DDS per visualizzare le mappe nel radar all’interno della HUD del gioco.

(altro…)

 

Cali di FPS in CounterStrike: Global Offensive o Battlefield 1? Come disattivare XBox GameDVR

Oggi, subito dopo aver lanciato CounterStrike: Global Offensive dal mio computer con Windows 10 per la consueta partitella serale, mi sono trovato di fronte uno strano popup che mi avvertiva che nel mio sistema risultava attivo il software XBox GameDVR, il quale è noto per provocare problemi di performance per molti giochi. Una opzione del popup rimandava a questo articolo sul sito ufficiale di Steam Support all’interno del quale è spiegata in dettaglio la procedura da seguire per disattivare il GameDVR sul sistema.

Poiché non avevo mai sentito parlare di questa funzionalità, ho deciso di fare la consueta ricerca su Google, imbattendomi subito in questo altro post – pubblicato sul sito PCGamesN – che spiega la faccenda in modo  più dettagliato.

Per farla breve, sembra che la patch di Windows 10 numero 1607, meglio nota come Anniversary Update (della quale abbiamo già avuto modo di parlare in passato), la quale abilita automaticamente il software di registrazione chiamato GameDVR. Il problema è che la presenza di questo software – se attivo nel sistema – sembrerebbe impattare negativamente sulle performance di molti giochi, in particolare quelli sviluppati da Valve come appunto il mio amato CS:GO.

(altro…)