Come visualizzare la prima data di commit di un repository GitHub Recensione di Git-First, una pratica estensione di Google Chrome che consente di accedere al primo commit di qualsiasi repository presente su GitHub per verificare la data del primo pull

How to check the first commit date of any Git repository

Avete mai avuto bisogno di controllare rapidamente la prima data di commit di un repository Git? Esistono almeno tre modi per farlo: tramite le funzionalità del sito Web GitHub, utilizzando l’interfaccia della riga di comando Git (Git CLI) e mediante l’estensione Git-First per Chrome. In questo post esamineremo brevemente questi tre metodi e cercheremo di comprendere quale sia il più utile per soddisfare le nostre esigenze.

#1. GitHub website

Dalla pagina iniziale del repository su GitHub, fare click sulla tab Insights, quindi sulla sotto-tab Network all’interno del menu a destra: una volta fatto questo sarà visualizzato il messaggio “Loading graph data”, che indica che il sito sta caricando le informazioni relative alla totalità dei commit e dei fork effettuati. Al termine dell’attesa sarà visualizzato un diagramma contenente alcune linee colorate (branch) raggruppate all’interno di una tabella contenente una o più righe (fork) e contenenti un certo numero di punti (commit).

Quando il diagramma sarà completamente caricato, premere Shift + Left Arrow per navigare fino all’inizio della serie storica, quindi fare click sul puntino (dot) più a sinistra, che rappresenta il primo commit. La data di push sarà chiaramente visibile nella zona in alto a destra della pagina risultante.

Come visualizzare la prima data di commit di un repository GitHub

Questo metodo risulta piuttosto pratico in molti casi, ma può presentare alcune controindicazoni:

  • potrebbe non funzionare correttamente per i repository che hanno un gran numero di fork: la funzionalità Insights/Network supporta ad oggi fino a 100 fork;
  • può risultare estremamente lento se il repository che vogliamo controllare presenta un gran numero di commit, branch e/o tag: ad esempio, il diagramma del repository microsoft/vscode  (Visual Studio Code), che presenta migliaia di commit e un gran numero di branch, tag e fork, impiega oltre 2 minuti per essere caricato correttamente.

#2. GitHub CLI

Una possibilità alternativa e in molti casi più veloce per controllare la data del primo commit è quella di utilizzare la command-line interface di Git (Git CLI) mediante il seguente comando da prompt MS-DOS o Linux terminal:

Questo comando mostrerà un elenco di tutti i commit effettuati sul repository in questione, ordinati dal meno recente. Ovviamente, per poter utilizzare questo metodo è necessario che il repository che vogliamo controllare si trovi nella nostra macchina locale.

#3. Git-First per Google Chrome

Una possibilità ulteriore per controllare la data del primo commit di un repository Git è data dall’estensione Git-First per Google Chrome, sviluppata da Kamran Ahmed con il preciso intento di risolvere le controindicazioni dei metodi precedenti.

Una volta installata, questa estensione aggiungerà un nuovo elemento, chiamato “Initial Commit”, all’interno del menu contestuale di Chrome: questo elemento sarà mostrato solo se la pagina visualizzata è relativa a un repository GitHub. Facendo click sul nuovo pulsante si accederà direttamente, nel giro di un paio di secondi, alla pagina relativa al primo commit del repository in questione.

Come visualizzare la prima data di commit di un repository GitHub

L’estensione, oltre che dal menu contestuale, può essere attivata anche facendo click sulla sua icona, presente nella zona dedicata alle estensioni in alto a destra di Google Chrome.

IMPORTANTE: a scanso di equivoci, precisiamo che questo blog non è collegato in alcun modo con il progetto Git-First; i contenuti di questo articolo rappresentano unicamente il pensiero dell’autore.

Conclusione

Dal nostro punto di vista, l’estensione Git-First è sicuramente il metodo che consente di recuperare la data del primo commit di un repository GitHub nel modo più pratico e veloce: per questo motivo ne raccomandiamo l’installazione e l’utilizzo a chiunque abbia bisogno di controllare questa informazione con una certa frequenza, mentre per un controllo una-tantum è probabilmente meglio utilizzare il sito web di GitHub o la Git CLI, evitando di appesantire il proprio sistema con un componente esterno.

Per il momento è tutto: felice esplorazione!

 

About Ryan

IT Project Manager, Web Interface Architect e Lead Developer di numerosi siti e servizi web ad alto traffico in Italia e in Europa. Dal 2010 si occupa anche della progettazione di App e giochi per dispositivi Android, iOS e Mobile Phone per conto di numerose società italiane. Microsoft MVP for Development Technologies dal 2018.

View all posts by Ryan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.