Validazione dell'indirizzo EMail in C# e ASP.NET Core Una pratica utility class che consente di convalidare qualsiasi indirizzo di posta elettronica utilizzando la RegEx prevista dagli HTML living standards e/o gli strumenti di convalida di ASP.NET Core in C#

ASP.NET Core C# - How to lock an async method according to custom IDs

Convalidare un indirizzo e-mail è un requisito classico di quasi tutte le applicazioni web. La maggior parte dei moderni web framework client-side e server-side prevede dei metodi nativi per assolvere a questa esigenza: tuttavia, come molti sviluppatori web sanno fin troppo bene, le metodologie utilizzate per la convalida degli indirizzi e-mail non sempre restituiscono il medesimo risultato - e non sempre ciò che è considerato "valido" per loro corrisponde al risultato desiderato per il nostro caso specifico.

Prendiamo ad esempio il caso di questi indirizzi e-mail:

Gli esempi di cui sopra sono tratti da RFC 3696, Application Techniques for Checking and Transformation of Names, scritto dall'autore del protocollo SMTP (RFC 2821)

Per quanto strano possa sembrare, tutti gli indirizzi e-mail di cui sopra sono "validi": o perlomeno lo erano, secondo quanto previsto dalla RFC 2822 (sezione 3.4.1), fino a quando non è stata resa obsoleta dalla successiva RFC 5322. Tuttavia, anche RFC 5322 considera " validi" una vasta tipologia di indirizzi e-mail che utilizzano una sintassi che oggi viene comunemente considerata troppo rigida (prima del carattere "@"), troppo vaga (dopo il carattere "@") e troppo permissiva (in quanto consente l'inserimento di commenti, spazi bianchi e parole o persino frasi "virgolettate").

Ecco qualche esempio di indirizzo email considerato "valido" secondo quanto previsto dalla RFC 5322:

  • [email protected][IPv6:2001:db8::1]
  • joe.blow(comment)@example.com
  • joe.blow(comment)@(another comment with spaces)example.com
  • "Joe..Blow"@example.com

Come possiamo vedere, anche queste specifiche sono ahimé ancora piuttosto lontane da qualsiasi possibile utilizzo concreto, a meno di non voler rischiare che il proprio sito "accetti" una serie di indirizzi e-mail difficilmente utilizzabili all'atto pratico.

Una soluzione "quasi perfetta" è arrivata con l'introduzione degli HTML living standards, nelle quali compare per la prima volta una "willful violation" (violazione intenzionale) della RFC 5322 compiuta proprio per giungere a criteri di validazione che potessero superare i problemi di cui sopra. Questa nuova tecnica di validazione è stata opportunamente riassunta mediante una espressione regolare "ufficiale", rilasciata all'interno del documento in formato compatibile con JavaScript e Perl:

La RegEx di cui sopra consente finalmente di eliminare la maggior parte degli "indirizzi anomali" che abbiamo riportato in questo articolo: non a caso è utilizzata da una pluralità di siti, servizi e applicazioni web (io stesso ne ho fatto largo uso in passato). Tuttavia, persino questa soluzione non è esente da problemi, in quanto considera ancora validi gli indirizzi e-mail "dot-less", ovvero senza il punto all'interno del dominio. Qualche esempio:

A ben vedere, non si tratta di un vero e proprio problema della RegEx: gli indirizzi di cui sopra - così come tutti gli indirizzi che prevedano un dominio "dot-less" - sono infatti indiscutibilmente validi, ed esistono certamente molti scenari in cui è opportuno considerarli tali. Ad esempio, se l'applicazione o il servizio web che stiamo sviluppando prevede l'invio di e-mail a una intranet, dove spesso il dominio interno è di tipo "dotless". Tuttavia, considerare "validi" questo tipo di indirizzi potrebbe creare non pochi problemi nel caso di applicazioni o servizi web pensate esclusivamente per essere utilizzate da utenti esterni: in quei casi, considerare "non valido" qualsiasi indirizzo "dot-less" può essere una scelta preferibile.

Questo è il motivo che mi ha spinto a implementare EmailValidator, una classe ad-hoc scritta in C# che può essere utilizzata per convalidare gli indirizzi di posta elettronica con o senza punti.

Ecco il codice sorgente:

IMPORTANTE: il codice sorgente di cui sopra è stato inserito in questo articolo a scopo puramente dimostrativo e potrebbe non essere aggiornato all'ultima versione. Per ottenere la versione più recente della classe è consigliabile accedere al repository del progetto su GitHub.

Come si può vedere osservando il codice di cui sopra, il processo di convalida si basa sulla funzione statica IsValidEmailAddress, che accetta i seguenti parametri:

  • email : l'indirizzo email da controllare/convalidare
  • useRegEx : TRUE per utilizzare la validazione e-mail standard HTML5 RegEx, FALSE per utilizzare il validatore integrato fornito da .NET (predefinito: FALSE)
  • requireDotInDomainName : TRUE per convalidare solo gli indirizzi e-mail contenenti un punto nel segmento del nome di dominio, FALSE per consentire domini "senza punti" (predefinito: FALSE)

Il codice di cui sopra è stato rilasciato sotto licenza MIT, il che significa che chiunque è libero di usarlo per qualsiasi progetto o come riferimento per sviluppare una funzione di convalida alternativa.

Conclusioni

Per il momento è tutto: se questo articolo vi è stato utile, non dimenticate di lasciarci un feedback nella sezione "commenti".

Fork me on GitHub

About Ryan

IT Project Manager, Web Interface Architect e Lead Developer di numerosi siti e servizi web ad alto traffico in Italia e in Europa. Dal 2010 si occupa anche della progettazione di App e giochi per dispositivi Android, iOS e Mobile Phone per conto di numerose società italiane. Microsoft MVP for Development Technologies dal 2018.

View all posts by Ryan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.