Skip to main content

iOS Simulator: come aggiungere immagini e foto

Durante lo sviluppo di una app per iOS può capitare di aver bisogno di arricchire la libreria predefinita del Simulatore iOS con una o più immagini. Sfortunatamente il procedimento non è così immediato, poiché il simulatore – a differenza di quanto accade con gli emulatori Android – non ha modo di accedere all’hard disk del proprio Mac. Vediamo insieme come fare.

(altro…)

 

Suoneria e notifiche non funzionanti su Samsung Galaxy S5 dopo l’aggiornamento a Android Lollipop

Il vostro Galaxy S5 ha perso l’uso della parola in conseguenza dell’ultimo aggiornamento del sistema operativo di casa Google? Niente paura! Si tratta di un problema noto, comune a molti utenti e dovuto a una delle molte novità di Android 5, meglio noto come Lollipop: un cambiamento migliorativo della cosiddetta modalità blocco (in inglese: blocking mode), già presente nelle scorse versioni del sistema. Nelle release precedenti questa funzionalità consentiva di bloccare la suoneria e le notifiche per tutti i contatti della rubrica: l’icona corrispondente, un cerchio con una linea orizzontale al suo interno, faceva la sua comparsa in alto a sinistra.

La nuova impostazione introdotta con Lollipop consente di attivare la cosiddetta modalità priorità (in inglese: priority mode) che equivale grossomodo a una modalità blocco attiva soltanto per i contatti non presenti nella lista dei Preferiti: in tal modo il dispositivo reagirà soltanto alle chiamate e le notifiche provenienti da una ristretta cerchia di persone importanti.

 

android-lollipop-default-notifications

 

Una possibilità indubbiamente utile, se non fosse che il sistema tende ad attivarla automaticamente a seguito di alcuni aggiornamenti: il risultato è che lo smartphone diventa improvvisamente muto, senza peraltro fornire indicazioni adeguate sulle cause del malfunzionamento.

(altro…)

 

Come realizzare il costume di Rapunzel

Con questo breve tutorial proverò ad illustrare, passo dopo passo, lo studio che ho effettuato con l’obiettivo di realizzare una versione piuttosto fedele dell’abito di Rapunzel, per Carnevale o per un cosplay. Io ho realizzato un costume da bambina, ma lo stesso procedimento può essere utilizzato per confezionare l’abito per una persona adulta: spero che vi piaccia!

Per facilitare la lettura ho suddiviso il testo in cinque paragrafi principali, ciascuno dei quali affronta un aspetto specifico relativo alla preparazione del costume.

Prima di cominciare è senz’altro utile studiare con attenzione il costume, così come è stato pensato e realizzato dagli illustratori di casa Disney: la composizione che segue ne evidenzia tutti i dettagli principali.

Tangled Cosplay Rapunzel

(altro…)

 

Jquery.scrolling: controllare la comparsa e la scomparsa degli elementi nel Viewport

Con l’affermarsi del responsive design e dei layout adattivi diventa sempre più importante tenere traccia della presenza degli elementi man mano che essi diventano visibili all’interno del viewport, ovvero della zona del browser visibile all’utente. Sfortunatamente né il linguaggio javascript né il popolare framework jquery mettono a disposizione un modo nativo per controllare lo stato degli elementi HTML in conseguenza dello scroll della pagina.

Per rispondere a questa esigenza ho sviluppato il plugin jquery.scrolling, che può essere utilizzato proprio per assolvere a tale compito. Il plugin consente infatti di disporre di due eventi, scrollin e scrollout, che si attivano rispettivamente quando un elemento entra o esce dall’area di visualizzazione del viewport.

Gli eventi si attivano in conseguenza di uno scroll o di un resize, ma possono anche essere attivati manualmente nel caso di contenuto generato dinamicamente, ad esempio a seguito di chiamate AJAX. Il plugin supporta infatti ogni tipo di contenuto presente all’interno del DOM della pagina ovvero all’interno di frame o iframe in essa presenti.

(altro…)

 

Gestire le GitHub Pages con Mercurial e TortoiseHG

Abbiamo già visto in un precedente articolo come sia possibile creare, pubblicare e gestire un repository su github.com senza bisogno di installare Git, avvalendosi unicamente di MercurialTortoiseHG. In questo articolo spiegheremo come sia possibile utilizzare lo stesso metodo per impostare branch aggiuntivi, come ad esempio il branch gh-pages mediante il quale GitHub consente di pubblicare le cosiddette project pages.

GitHub Pages: cosa sono e a cosa servono

Come spiega il sito, le GitHub pages non sono altro che pagine web ospitate sui server di GitHub. Si dividono in due tipologie:

  • User & Organization Pages: si tratta di pagine legate al nostro account GitHub. Per crearle è sufficiente creare un repository con un nome particolare legato al nostro account. La sintassi da seguire è la seguente:  <username>.github.io  , dove al posto di <username> andrà inserito il nome corrispondente al proprio account GitHub. Una volta creato sarà possibile aggiungere una o più pagine web (e relativi css, js, immagini etc.) che diventeranno immediatamente accessibili all’indirizzo:  http(s)://<username>.github.io .  Queste pagine sono solitamente utilizzate per creare un mini sito web relativo al proprio account GitHub: presentazione e informazioni sullo sviluppatore, portfolio, mission del team di sviluppo, etc.
  • Project Pages: si tratta di pagine legate a un progetto specifico pubblicato su GitHub. Possono essere create manualmente utilizzando gli appositi comandi Git oppure automaticamente utilizzando il software di generazione automatico messo a disposizione da GitHub. In entrambi i casi verrà aggiunto un branch apposito, denominato gh-pages, dove sarà possibile aggiungere una o più pagine web alle quali si potrà accedere mediante l’indirizzo: http(s)://<username>.github.io/<projectname> . Queste pagine sono solitamente utilizzate per creare un sito web relativo al proprio progetto: descrizione, istruzioni per l’uso, esempi, demo, documentazione, API, etc.

Poiché le User & Organization Pages utilizzano il branch master del repository a loro dedicato, per gestirle è sufficiente fare riferimento all’articolo pubblicato in precedenza, che illustra appunto come gestire un repository Git tramite Mercurial. Nel caso delle Project Pages la questione è resa leggermente più complicata dal fatto che dobbiamo creare un branch apposito: vediamo come.

(altro…)