Skip to main content

Windows 8: disabilitare il restart automatico dopo Windows Update

UPDATE: Clicca qui per leggere questo stesso articolo aggiornato per Windows 10.

Difficile immaginare un sistema operativo più controverso di Windows 8 tra quelli realizzati dalla Microsoft negli ultimi anni: quel che è certo è che il prodotto della casa di Redmond è stata capace di attirare simpatie e antipatie ugualmente estreme fin dal momento della sua uscita sul mercato. Se c’è una cosa sulla quale concordano (quasi) tutti, però, è sui fastidi recati dalla pessima abitudine di Windows Update di forzare un countdown, non cancellabile dall’utente eventualmente loggato, al termine del quale il computer subisce un inevitabile riavvio. Ci riferiamo ovviamente alla temibile frase “Il PC sarà riavviato in XX minuti, YY secondi“, che costringe spesso a salvare i file aperti, chiudere tutte le applicazioni e mettersi in attesa per non rischiare di perdere il proprio lavoro.

Fortunatamente esistono alcuni modi sia per prevenire – o per meglio dire disattivare – questo comportamento, a seconda della versione di Windows in uso, che per interrompere il countdown prima che sia troppo tardi: vediamo quali sono.

Metodo 1. Local Group Policy

Se siete possessori di una versione Professional di Windows 8, continuate a leggere: questo metodo è senz’altro il modo più semplice e più pulito per raggiungere il vostro scopo. In caso contrario, non potrete aver accesso al Local Group Policy Editor e sarete quindi costretti a saltare direttamente al metodo successivo.

Premete Win + R per aprire la schermata Esegui, quindi scrivete gpedit.msc e date Invio. per aprire il Local Group Policy Editor.

windows.8.alt.r.gpedit

Navigate all’interno dell’albero fino a raggiungere la cartella denominata Computer Configuration > Administrative Templates > Windows Components > Windows Update (in italiano: Configurazione Comuter > Modelli Amministrativi > Componenti di Windows > Windows Update). Dopo averla aperta cercate, nel pannello di destra, la voce chiamata No auto-restart with logged on users for scheduled automatic updates installations (in italiano: Escludi riavvio automatico per installazioni pianificate di Aggiornamenti Automatici con utenti non connessi).

windows.8.gpedit.no.auto-restart

Fate doppio click sulla voce e, nella finestra popup che comparirà, cambiate il radio button da non configurata ad attivata, quindi fate click su OK.

Per fare in modo che il sistema applichi immediatamente le modifiche che avete appena effettuato, premete nuovamente WIN + R e inserite il comando gpupdate /force …

windows.8.gpupdate-force

… E questo è tutto.

Metodo 2. Editor del Registro di Sistema

Se la vostra versione di Windows 8 non vi consente di accedere al Local Group Policy Editor potete ottenere un risultato del tutto analogo modificando alcune impostazioni del Registro di Sistema. Premete i tasti WIN + R per aprire la schermata Esegui, quindi digitate regedit e premete Invio.

windows.8.regedit

Attendete l’apertura dell’Editor del Registro di Sistema, quindi navigate fino alla chiave  HKEY_LOCAL_MACHINE\SOFTWARE\Policies\Microsoft\Windows\WindowsUpdate\AU : se la chiave  WindowsUpdate e/o la chiave  AU non risultano presenti, createle. All’interno della chiave  AU create una chiave di tipo 32-bit DWORD e chiamatela NoAutoRebootWithLoggedOnUsers, quindi fate doppio-click su di essa e impostate il suo valore a (hex) 1.

Non esiste una opzione per fare in modo che il sistema applichi le modifiche effettuate istantaneamente, quindi vi toccherà riavviare il PC… e questo è tutto.

Metodo 3. Interrompere il Countdown

 

Nel caso in cui non siate interessati a disabilitare la funzionalità di auto-restart ma siate soltanto alla ricerca di un metodo per interrompere il countdown per la sessione di lavoro corrente, potete farlo in ben due modi:

PowerShell

Aprite un prompt PowerShell e digitate il seguente comando:

Command-Line

Aprite un prompt dei comandi (con privilegi di amministrazione) e digitate il seguente comando:

oppure, nel caso in cui il precedente non dovesse funzionare:

E il gioco è fatto.

 

 

 

 

RELATED POSTS

Ryan

IT Project Manager, Web Interface Architect e Lead Developer di numerosi siti e servizi web ad alto traffico in Italia e in Europa. Dal 2010 si occupa anche della progettazione di App e giochi per dispositivi Android, iOS e Mobile Phone per conto di numerose società italiane.

Close
Leggi articolo precedente:
CS:GO – Come convertire le DEMO e i Replay in file AVI

UPDATE: Per una versione aggiornata di questa guida, che consente anche la creazione di Video in Full HD a 60fps,...

Chiudi