Skip to main content

Link ufficiali Microsoft per il download delle immagini ISO Windows 7, Windows 8.1 e Windows 10 in italiano (product key non incluso)

Come già fatto per MS Office qualche settimana fa, pubblichiamo un elenco di link tramite i quali è possibile recuperare le immagini ISO ufficiali per l’istallazione in modalità offline delle principali versioni di Windows in lingua italiana: Windows 7, Windows 8.1 e Windows 10.

State tranquilli, non si tratta di warez o software pirata! Sono tutte versioni di Windows rilasciate da Microsoft per venire incontro alle esigenze degli utenti e amministratori di sistema che hanno necessità di installare Windows su più sistemi ovvero che si trovano senza il supporto fisico (CD, DVD, Blu-Ray o chiavetta USB) a portata di mano, ad esempio a seguito dell’acquisto di una o più licenze digitali.

Inutile dire che per installare queste versioni di Windows è necessario essere in possesso di un Product Key valido, ovvero di un codice seriale che autorizzi ad installare e attivare il software: per acquistarne uno è possibile collegarsi al Microsoft Store o rivolgersi a uno dei tanti rivenditori autorizzati.

Ricordiamo che per scaricare le immagini ISO di Office 2010, Office 2013, Office 2016 o Office 365 è possibile consultare questo articolo.

Approfondisci

Crash di Esplora Risorse che blocca il PC? Come risolvere senza riavviare

Che siate amministratori di sistema, sviluppatori o semplici utenti, vi sarà capitato molte volte di assistere al crash o al blocco repentino del programma Esplora Risorse, le cui conseguenze sono particolarmente fastidiose: nella maggior parte dei casi l’interfaccia risulta compromessa, con una gigantesca finestra “bianca” che non accenna a chiudersi e non consente di aprirne altre o di svolgere alcune operazioni.

Questa situazione tende a verificarsi con particolare frequenza quando lavoriamo su cartelle, percorsi o dischi di rete che improvvisamente spariscono o non sono più disponibili, ad esempio perché il server che li ospitava si disconnette o crasha: in quelle occasioni i protocolli di condivisione file di Windows danno il loro peggio, impantanandosi in timeout estremamente lunghi e bloccando nel contemnpo tutta l’applicazione nel disperato tentativo di connettersi a qualcosa che non c’è più. Non di rado questi tentativi si concludono con il crash di Esplora Risorse o, peggio ancora, con un suo blocco continuativo che ci spinge a effettuare un kill manuale del processo con CTRL-ALT-CANC, quindi Gestione Attività > Processi -> Kill.

Approfondisci

vSphere Client Download per Windows: tutte le versioni

Pochi possono negare l’impatto avuto da VMware nell’affermarsi delle moderne tecnologie di virtualizzazione e il ruolo svolto dalla software house di Palo Alto nella rivoluzione che ha coinvolto l’assetto di milioni di server farm nel corso degli ultimi anni. Un cambiamento che ha coinvolto moltissimi amministratori di sistema, i quali si sono improvvisamente trovati nella necessità di dover apprendere e gestire il funzionamento e le logiche di backup e manutenzione delle Virtual Machine e dei relativi Hypervisor.

Strumento fondamentale per occuparsi di questi aspetti è il vSphere Client, il software messo gratuitamente a disposizione da VMware che consente di collegarsi agli Hypervisor e gestire le VM. Ora, se vi siete imbattuti in questa pagina è probabile che sappiate fin troppo bene quanto è faticoso recuperare i link delle varie versioni del vSphere Client, ciascuna necessaria per connettersi alla versione corrispondente di vSphere. Per questo ho ritenuto opportuno realizzare questo elenco, che raccoglie tutte le versioni scaricabili di vSphere Client per Windows sottoforma di link diretti, sperando che possa essere d’aiuto a chi come me ne ha spesso bisogno.

Approfondisci

Windows 8: disabilitare il restart automatico dopo Windows Update

UPDATE: Clicca qui per leggere questo stesso articolo aggiornato per Windows 10.

Difficile immaginare un sistema operativo più controverso di Windows 8 tra quelli realizzati dalla Microsoft negli ultimi anni: quel che è certo è che il prodotto della casa di Redmond è stata capace di attirare simpatie e antipatie ugualmente estreme fin dal momento della sua uscita sul mercato. Se c’è una cosa sulla quale concordano (quasi) tutti, però, è sui fastidi recati dalla pessima abitudine di Windows Update di forzare un countdown, non cancellabile dall’utente eventualmente loggato, al termine del quale il computer subisce un inevitabile riavvio. Ci riferiamo ovviamente alla temibile frase “Il PC sarà riavviato in XX minuti, YY secondi“, che costringe spesso a salvare i file aperti, chiudere tutte le applicazioni e mettersi in attesa per non rischiare di perdere il proprio lavoro.

Fortunatamente esistono alcuni modi sia per prevenire – o per meglio dire disattivare – questo comportamento, a seconda della versione di Windows in uso, che per interrompere il countdown prima che sia troppo tardi: vediamo quali sono.

Approfondisci

Close