Skip to main content

Impostare lo Shutdown o il Reboot automatico di Windows

La pratica dello shutdown programmato, contrariamente a quanto si crede, non è da demonizzare a priori né è necessariamente indice di cattiva stabilità del proprio sistema. Al contrario, sia in ottica client che nella configurazione di un server può essere utile pianificare un regolare shutdown o reboot del sistema operativo così da assicurare il pieno ripristino delle risorse a intervalli regolari. L’intervallo ideale, inutile dirlo, varia molto a seconda delle funzionalità assolte dal nostro server, ovvero alle aspettative di service availability che gli utenti si aspettano dai servizi da esso gestitio: il server interno un ufficio che svolge la sua attività in orario diurno può probabilmente essere riavviato ogni notte senza grossi problemi, mentre un server web che rende disponibili siti o servizi a ogni parte del mondo non dovrebbe essere riavviato praticamente mai – anche perché, nel caso specifico, è possibile ottenere gli stessi vantaggi limitandosi a riciclare gli Application Pool, come avremo modo di dire in futuro.

A parte casi particolari, impostare le nostre macchine per riavviarsi da sole a intervalli regolari può essere utile anche per assicurarci che i sistemi siano in grado di rimettersi in piedi in caso di reboot pianificati a seguito dell’aggiornamento del sistema o dovuti a situazioni impreviste – interruzione del servizio, power failure, hardware failure ed altre eventualità più o meno gravi che sono purtroppo sempre in agguato. Se consideriamo che la capacità di rimettersi in sesto a seguito di un evento inaspettato è la premessa fondamentale di qualsiasi procedura di Disaster Recovery, impostare un reboot a intervalli regolari può essere un modo per mettere periodicamente alla prova il nostro sistema.

Per impostare un riavvio automatico del sistema, aprite il Pannello di Controllo (se non sapete come fare su Windows 10, leggete qui) e aprite il Task Scheduler nel seguente modo, a seconda della vostra versione di Windows:

  • Windows 2000/XP, Windows Server 2003 e versioni precedenti: selezionate l’icona Operazioni Pianificate (Scheduled Tasks o Task Scheduler in lingua inglese).
  • Windows Vista, Windows 7/8/8.1/10, Windows Server 2008 e versioni successive: aprite il contenitore Strumenti di Amministrazione e selezionate l’icona Utilità di Pianificazione (Task Scheduler in lingua inglese).

windows-8-task-scheduler-icon

Una volta aperta l’utilità di pianificazione, create una nuova attività facendo click con il mouse sul pulsante Crea Attività… (Create Task… in inglese) nel seguente modo:

task-scheduler-create-taskInserite, nella scheda Generale della finestra di dialogo che si aprirà subito dopo,  un nome e una descrizione per l’attività. Per ulteriori informazioni sulle altre impostazioni disponibili in questa scheda, leggere la pagina ufficiale Microsoft dedicata alle proprietà generali delle attività.

task-scheduler-general

IMPORTANTE: ricordate di impostare come attive le seguenti opzioni:

  • Run whether user is logged on or not, per fare in modo che l’attività venga eseguita in ogni circostanza.
  • Esegui con privilegi elevati (Run with highest priviledges in inglese), per dotare l’attività dei privilegi necessari per effettuare operazioni riservate agli amministratori come lo shutdown e il reboot del sistema.

Una volta fatto questo, spostatevi nella scheda Trigger e fate click sul pulsante Nuovo (New in inglese) per creare una condizione di esecuzione per l’attività: si aprirà una finestra di dialogo denominata Nuovo Trigger (New Trigger in inglese), all’interno della quale potrete specificare le informazioni opportune. Per ulteriori informazioni sui trigger, vedere la pagina ufficiale Microsoft dedicata ai Trigger.

task-scheduler-create-trigger
Il trigger che abbiamo creato eseguirà l’attività ogni notte alle ore 04:00.

Passate alla scheda Azioni (Actions in lingua inglese) e fare click sul pulsante Nuova (New in inglese) per impostare il comando relativo all’attività.

Per impostare lo Shutdown Automatico del sistema (senza reboot)

Per impostare il Reboot Automatico del sistema

Questa la spiegazione dei parametri utilizzati:

-s : imposta lo shutdown automatico del sistema. Alternativa all’opzione -r (vedi sotto).

-r : imposta il reboot automatico del sistema: questa opzione è fondamentale se volete che il vostro sistema riparta automaticamente, mentre dovrete inserire -s nel caso in cui vogliate effettuare uno shutdown vero e proprio. Alternativa all’opzione -s (vedi sopra).

-f : chiude tutte le applicazioni in esecuzione prima di effettuare lo shutdown: questa opzione è fondamentale per consentire a tutti i servizi di interrompere in modo pulito la loro attività.

-t : imposta un timeout per lo spegnimento automatico, espresso in secondi: il default è 20, per 20 secondi. Questa opzione può essere impostata anche a zero, ma un valore sufficientemente elevato è consigliabile per notificare del prossimo spegnimento eventuali utenti/amministratori che potrebbero avere una sessione aperta in quel momento.

Per un elenco esaustivo di tutti i parametri disponibili per shutdown.exe potete fare riferimento al contenuto di questo articolo ufficiale.

Una volta completata anche questa scheda, la vostra attività pianificata è pronta. Prendetevi qualche secondo per controllare ancora una volta tutte le impostazioni, quindi fate click su OK per creare l’attività. A quel punto, poiché avete chiesto di eseguire l’attività con privilegi elevati, il sistema vi chiederà di inserire le credenziali dell’account Administrator o di un qualsiasi account con privilegi di amministrazione. Fatelo e il risultato del vostro lavoro comparirà, sintetizzato in una singola riga, all’interno del pannello principale del Task Scheduler.

 

windows-8-task-scheduler-actions
Un esempio del pannello “Actions” del Task Scheduler di Windows 8.

A questo punto non vi resta che eseguire subito l’attività per provare che funzioni (tasto destro del mouse -> Esegui o Run) oppure, se preferite, attendere che si verifichi automaticamente all’ora che avete impostato.

Per il momento è tutto: felice shutdown e/o reboot!

 

 

RELATED POSTS
 

Ryan

IT Project Manager, Web Interface Architect e Lead Developer di numerosi siti e servizi web ad alto traffico in Italia e in Europa. Dal 2010 si occupa anche della progettazione di App e giochi per dispositivi Android, iOS e Mobile Phone per conto di numerose società italiane.

Leggi articolo precedente:
Impostare il login automatico su Windows con AutoLogon

La richiesta di credenziali di accesso alla fine della procedura di avvio rappresenta uno dei protocolli di sicurezza fondamentali di...

Chiudi