Skip to main content

The Visit: locandina e informazioni sul nuovo film di M. Night Shyamalan

Dopo l’insuccesso di critica e pubblico After Earth il regista M. Night Shyamalan torna al genere che gli è più congeniale con The Visit , un thriller-horror targato Universal la cui uscita è prevista per l’11 settembre di quest’anno. Il film, stando alle dichiarazioni della produzione, sembra presentare molti punti di contatto con il periodo più ispirato della cinematografia del regista indiano, che secondo la maggior parte dei suoi estimatori va da Il Sesto Senso (1999) a The Village (2004), passando per l’apprezzato Unbreakable (2000) e il controverso Signs (2002).

Approfondisci

Ant-Man: trailer ufficiale in italiano

Da meno di una settimana il canale Youtube Marvel Italy ha reso disponibile il trailer di Ant-Man, la nuova fatica targata Marvel Studios che uscirà nelle sale di tutto il mondo a luglio 2015.

Questo il testo di presentazione ufficiale:

La prossima evoluzione dell’Universo Cinematografico Marvel porterà, per la prima volta, un membro fondatore degli Avenger sul grande schermo con il nuovo film Marvel’s Ant-Man, quando il maestro truffatore Scott Lang dovrà accettare il suo eroe interiore ed aiutare il suo mentore, il Dottor Hank Pym, a proteggere il segreto che si cela dietro la sua spettacolare tuta di Ant-Man da una nuova generazione di imponenti minacce.

Approfondisci

Hateful Eight: il falso trailer del nuovo film di Quentin Tarantino

Non c’è pace per i fan di Quentin Tarantino, costretti da un paio di giorni ad avere a che fare con un nuovo fake trailer (il secondo in pochi mesi) dedicato al prossimo progetto del talentuoso regista americano. Il falso trailer, diffuso lo scorso 17 aprile sul canale dell’utente Youtube Lucas F., è il consueto collage di spezzoni presi da altri film: stavolta, a differenza del predecessore, il trailer ricalca piuttosto bene lo stile tipico del presunto autore e presenta una serie di clip nei quali sono presenti molti degli attori confermati.

Approfondisci

How it should have ended? I finali alternativi di Frozen, Harry Potter, Lord of the Rings, Twilight e X-Men

Oggi voglio segnalarvi How it should have ended, un canale YouTube che si occupa di realizzare un particolare genere di parodia: il cosiddetto “finale alternativo”, nel quale viene immaginato un epilogo diverso delle vicende narrate dai film più popolari. Il canale, nato nel 2007 e specializzato in film di genere fantascienza e fantasy, vanta ad oggi centinaia di video e oltre 50 finali alternativi. Tra i moltissimi vi segnaliamo i seguenti:

Personalmente ritengo che il più carino sia quello di Frozen, che ha totalizzato (nelle diverse versioni) oltre 25 milioni di visite e che riporto in coda a questo post.

E voi quale preferite?

Frozen Alternative Ending

Terra Formars: prime impressioni

L’anime tratto dall’ottimo seinen manga di Yu Sasuga è ormai giunto al giro di boa. Le prime 6 puntate non consentono ancora di formulare un giudizio completo ma appare evidente come Liden Films abbia deciso di andare al risparmio,  confezionando un prodotto piuttosto deludente sotto ogni punto di vista. La fumata nera investe in primo luogo le animazioni: le aspettative di chi, ragionevolmente, desidera vedere su schermo i frenetici combattimenti su Marte presenti nelle spettacolari tavole di Sasuga vengono costantemente messe in attesa dalle lunghissime sequenze di dialogo, peraltro oltremodo statiche, che risultano preponderanti in ciascuna puntata: interesse e frustrazione crescono di pari passo in un climax che viene malamente sfruttato dall’eccessiva frammentazione delle poche sequenze action presenti, intervallate in modo quasi scientifico da flashback poco ispirati e spiegazioni entomologiche potenzialmente interessanti ma, inevitabilmente, frustranti a livello estetico. Un linguaggio visivo che nel manga funzionava bene in virtù delle peculiarità del mezzo, ma che nella sua trasposizione animata avrebbe senz’altro meritato un montaggio migliore e una scelta di tempi più efficace.

4084080-michelle+k.+davis+1
Il chardes dell’anime rende poca giustizia alla bella Michelle K. Davis (qui in versione cartacea).

Approfondisci

Close