Skip to main content

Abilitare la visualizzazione delle immagini SVG su Web Server IIS evitando l’errore 404 – File Not Found

Negli ultimi anni, parallelamente all’avvento dei dispositivi mobili adatti alla navigazione e dei layout web in modalità responsive, si è diffuso moltissimo l’utilizzo delle immagini vettoriali SVG (Scalable Vector Graphics) in luogo delle immagini raster (JPG, PNG, GIF). La possibilità di avere immagini indipendenti dalla risoluzione e dalle caratteristiche di visualizzazione del dispositivo utilizzato costituisce un importantissimo valore aggiunto: l’adozione degli SVG da parte di tutti i moderni Browser consente oggi di superare con estrema semplicità problematiche che, fino a qualche anno fa, costringevano il grafico web a realizzare diverse versioni del proprio logo per poi alternarle a seconda del device tramite CSS media-query, JavaScript o altre tecniche piuttosto laboriose.

Per maggiori informazioni sull’utilizzo del formato SVG sul web, suggeriamo di fare un giro sul sito SvgOnTheWeb.com, che fornisce una serie di strumenti, guide e informazioni utili per lo sviluppo su qualsiasi piattaforma.

Il Problema

Sfortunatamente, non tutte le versioni di IIS supportano il formato SVG tra i mime-type predefiniti. Quando questo accade, tutte le volte in cui si proverà a recuperare una immagine SVG dal proprio web server si riceverà il seguente errore:

HTTP Error 404 – File Not Found.

L’errore può risultare contraddittorio ai meno addetti ai lavori: il file in realtà è presente, ma la sua estensione non è tra quelle che IIS è configurato per servire: di conseguenza, il servizio si comporta come se il file non esistesse.

La Soluzione

Il modo più semplice per risolvere il problema è aggiungere il codice seguente all’interno dell’elemento <system.webServer>  del file Web.Config presente nella cartella principale della propria applicazione:

Questa soluzione, però, è risolutiva soltanto per i file serviti direttamente da quella specifica applicazione. Questo significa che se il nostro IIS ospita più applicazioni dovremo effettuare questa operazione per ciascuna di esse, cosa tutt’altro che pratica.

Per risolvere il problema in modo più generale è possibile “centralizzare” l’aggiunta del mime-type mediante IIS Manager, ovvero il pannello di configurazione e gestione di IIS. E’ sufficiente recarsi nel nodo principale e selezionare l’icona Tipi MIME (MIME Types per la versione in lingua inglese).

mime-type-iis

Una volta fatto, si aprirà una finestra pop-up contenente un elenco di tutte le estensioni già configurate: sarà sufficiente aggiungere l’estensione .svg con tipo mime image/svg+xml per consentire la visualizzazione dei file SVG su tutte le applicazioni web.

Per il momento è tutto: buona visualizzazione!

WordPress: aggiungere la immagine in evidenza nella pagina di dettaglio articoli

Fin dalla versione 2.9 WordPress consente di associare una immagine a ciascun articolo: originariamente chiamata Thumbnail Image (Miniature dei Post), tale funzionalità è stata rinominata in Featured Image (Immagine in Evidenza) nella versione 3.0. Associare l’immagine giusta a un articolo non è soltanto una ottima pratica a livello SEO, ma risulta anche fondamentale per migliorare sensibilmente il layout di tutte le pagine, moduli e widget che presentano un elenco di articoli, inclusa (quasi sempre) la Home Page: immaginate quanto sarebbero noiose quelle lunghe liste di titoli senza che vi sia una immagine a corredo di ciascuno di essi.

Approfondisci

Restart on Crash, uno strumento per riavviare automaticamente applicazioni, programmi e servizi che smettono di funzionare

Uno dei compiti più importanti di un amministratore di sistema è quello di assicurare il funzionamento costante di determinati applicativi sulle macchine che lavorano in modalità always-on: web server, servizi FTP, database o anche programmi e applicazioni desktop che svolgono funzioni di utilità varia. La maggior parte di questi servizi prevede un sistema di auto-monitoring che, in caso di problemi, può essere configurato per riavviare automaticamente i propri servizi e/o avvisare altri applicativi di monitoring che possono farlo: esistono però molte applicazioni che non hanno questa funzionalità e che quindi “muoiono” senza alcuna possibilità ripartire e, quel che è peggio, senza dare alcun tipo di avviso.

Nella maggior parte dei casi si tratta di piccole applicazioni sviluppate internamente e/o pensate per un utilizzo diverso da quello che se ne fa. Questo aggrava ulteriormente le cose: nella maggior parte dei casi, un software pensato per essere utilizzato occasionalmente non è dotato delle caratteristiche necessarie per poter funzionare in modalità always-on e sarà quindi maggiormente soggetto a crash periodici, magari per via di una gestione non ottimale della memoria o dei thread. Un vero e proprio incubo per qualsiasi amministratore di sistema, che rischia di dover svolgere una onerosa, frequente e altamente insicura attività di monitor e riavvio manuale.

Approfondisci

Visualizzare il percorso del file eseguibile di un processo di Windows

Recuperare le informazioni relative al PATH dell’eseguibile di un processo attivo su una macchina Windows può essere utile in molti casi, ad esempio quando si sospetta la presenza di un Malware o, più semplicemente, se si desidera acquisire maggiori informazioni sugli applicativi in esecuzione sul proprio sistema.

 

In tutte le ultime versioni di Windows è possibile recuperare questa informazione direttamente tramite l’interfaccia utente fornita dal Task Manager (in italiano Gestione Attività), il quale contiene una pratica tab Processi mediante la quale è possibile accedere alle Proprietà di ciascun processo in esecuzione: è sufficiente fare click con il tasto destro sul processo che ci interessa e selezionare Proprietà nel menu contestuale. Da Windows 7 in poi è possibile fare la stessa cosa anche tramite la nuova tab Dettagli, che mostra i processi in esecuzione in modo ancora più dettagliato.

Approfondisci

Star Wars: Rogue One – Nuovo Trailer in Italiano

E’ uscito in questi giorni il nuovo trailer di Rogue One: A Star Wars Story, l’attesissimo spin-off della più celebre saga di fantascienza della storia del cinema. La storia, come recita il video pubblicato l’11 agosto su YouTube sul canale ufficiale di Star Wars Italia, narra di un improbabile gruppo di eroi, uniti per intraprendere una missione coraggiosa e apparentemente impossibile al fine di sottrarre i piani per la costruzione della più potente arma di distruzione: la Morte Nera.

Approfondisci

Close