Skip to main content

Usare Mercurial HG Source Code Control Manager con Visual Studio 2015

Abbiamo già avuto modo di parlare di Mercurial, noto anche come HG, uno dei migliori source-control manager disponibili per Windows. Per ulteriori informazioni sul prodotto rimandiamo alla pagina Wiki relativa e/o al sito ufficiale del progetto: in questo articolo spiegheremo brevemente come configurare Visual Studio 2015 per poterlo utilizzare come valida alternativa di GIT, SVN o dell’ormai più che obsoleto Visual SourceSafe.

Approfondisci

Windows 10: disabilitare il restart automatico dopo Windows Update

A grande richiesta, aggiorno questo articolo su Windows Update pubblicato precedentemente per Windows 8 alla versione per Windows 10.

Una delle cose che più infastidisce dello strumento Windows Update è quando, subito dopo l’avvenuta installazione degli aggiornamenti, viene introdotto a forza un countdown, non cancellabile dall’utente eventualmente loggato, al termine del quale il computer subisce un inevitabile riavvio. Ci riferiamo ovviamente alla temibile frase “Il PC sarà riavviato in XX minuti, YY secondi“, che costringe spesso a salvare i file aperti, chiudere tutte le applicazioni e mettersi in attesa per non rischiare di perdere il proprio lavoro.

Fortunatamente esistono alcuni modi sia per prevenire – o per meglio dire disattivare – questo comportamento, a seconda della versione di Windows in uso, che per interrompere il countdown prima che sia troppo tardi: vediamo quali sono.

Approfondisci

Visual Studio 2015 – Come aggiornare Node.js e/o NPM all’ultima versione

Tra le cose che ritengo più riuscite del nuovo Visual Studio 2015 c’è sicuramente la scelta di integrare nel popolare framework di casa Microsoft una serie di strumenti di sviluppo moderni e ormai pressoché irrinunciabili, primi tra tutti Node.js, NPM e Bower. Purtroppo, come spesso accade in questi casi, i designer non hanno compiuto questa integrazione mettendosi nell’ottica dell’utilizzatore finale, adottando un un criterio tutt’altro che ideale in ottica di manutenzione e aggiornamento di questi componenti: come diretta conseguenza di tale scelta, questi strumenti non vengono installati nelle loro cartelle predefinite bensì in una directory apposita all’interno di Visual Studio 2015: una sorta di bundle integrato che, ovviamente, porta qualche complicazione in più nel momento in cui è necessario aggiornare qualcosa.

Per spezzare una lancia a favore di Microsoft si potrebbe dire che la maggior parte degli sviluppatori Visual Studio non avrà probabilmente bisogno di aggiornare quegli strumenti rispetto alle versioni contenute nel pacchetto di installazione, con l’eccezione di un ristretto numero di utenti avanzati che non avranno certo problemi ad effettuare autonomamente tali update mettendo in pratica workaround analoghi a quelli descritti in questo articolo. Inoltre, prevedere un ambiente Node.js separato e “isolato” ha sicuramente il vantaggio di ridurre possibili problemi di incompatibilità legati alla presenza di una eventuale seconda installazione nel sistema. Neppure questo sforzo di comprensione, però, è in grado di spiegare come mai i designer non abbiano previsto la possibilità di aggiornare gli strumenti contenuti in questo bundle tramite la GUI di Visual Studio, o comunque rendere più trasparente tale integrazione così da dare agli sviluppatori la possibilità di intervenire.

Sia come sia, se utilizzate parecchio Node.js e/o NPM è probabile che prima o poi avrete la necessità di “svecchiare” questi strumenti: vediamo come fare.

Approfondisci

TypeScript TS2304 compile error in Visual Studio: come risolvere

Durante un lavoro di revisione del codice sorgente di un libro di programmazione, ho recentemente avuto alcune difficoltà nel compilare la parte TypeScript di una applicazione basata su ASP.NET CoreAngular2: il problema era dovuto al fatto che il compilatore TypeScript integrato in Visual Studio 2015 non voleva assolutamente saperne di compilare il codice client, lamentando la mancanza di una serie di classi ECMAScript6 nonostante la presenza di una libreria shim apposita (l’ormai irrinunciabile core-js). Nello specifico, gli errori riscontrati erano i seguenti:

La cosa mi ha colto di sorpresa perché è cominciata subito dopo l’aggiornamento dei sorgenti Angular2 da beta-17 a RC1. Ci ho messo un bel pò a capire a cosa fosse dovuto il problema, anche per via della mancanza di documentazione a riguardo. Per questo motivo, nella speranza di essere d’aiuto a quanti come me si trovano di fronte a questa problematica, ho deciso di scrivere questo articolo.

Approfondisci

Microsoft ASP.NET Core 1.0.0 VS2015 Tooling Preview Update 2 – Errore 0x81f4000: come risolvere

Se vi siete imbattuti in questo articolo è probabile che abbiate incontrato qualche problema nell’installazione del pacchetto di aggiornamento denominato Microsoft .NET Core 1.0.0 VS2015 Tooling Preview Update 2, recentemente rilasciato da Microsoft e, secondo le istruzioni presenti nel nuovo sito Microsoft dedicato ad ASP.NET Core, necessario per sviluppare con la versione RC2 di ASP.NET Core 1.0 utilizzando Visual Studio 2015.

Tale update richiede necessariamente la presenza del Visual Studio 2015 Update 3, al punto da contenere al suo interno un controllo software che ha il preciso compito di verificare che il sistema sia correttamente aggiornato.

Approfondisci

Close