Skip to main content

Event Viewer: come inviare notifiche e-mail dal Registro Eventi con uno script Powershell

Il Visualizzatore Eventi di Windows, o Event Viewer in lingua inglese, è senza dubbio uno strumento fondamentale per qualsiasi amministratore di sistema: utilizzato dalla maggior parte dei programmi e dei servizi integrati per comunicare informazioni, avvisi ed errori relativi alla loro esecuzione, è spesso il luogo dove è possibile recuperare le informazioni necessarie per comprendere e risolvere un gran numero di problemi di configurazione, performance, sicurezza e stabilità del nostro sistema.

Sfortunatamente, questa imprescindibile funzionalità è affetta da sempre – perlomeno secondo il sottoscritto – da almeno due problemi:

  • la lentezza, dovuta al fatto che dipende da un parsing in tempo reale di eventi registrati su file di testo, attività che per ovvi motivi è scarsamente efficiente a livello di sistema.
  • la collocazione infelice all’interno del Pannello di Controllo, dovuta al fatto che viene considerato uno strumento ad uso prevalente degli amministratori di sistema.

Queste due problematiche rendono di fatto l’utilizzo del Visualizzatore Eventi particolarmente scomodo: il risultato, almeno nella mia esperienza, è che spesso persino gli amministratori di sistema si dimenticano della sua esistenza, lasciando accumulare errori su errori che potrebbero facilmente essere risolti se soltanto qualcuno riuscisse ad averne notizia in modo più immediato.

E’ proprio questa esigenza, sentita da moltissimi SysAdmin con cui mi trovo spesso a interagire, che mi ha spinto a scrivere questo articolo per illustrare un metodo molto semplice con cui è possibile impostare un vero e proprio sistema di notifiche in tempo reale tramite e-mail degli eventi disponibili all’interno del Visualizzatore Eventi. Ovviamente si avrà la possibilità di scegliere il log (Application, Security, Setup et. al.) e/o la tipologia (Information, Error et. al.) e/o il numero di evento da notificare, così da essere avvisati soltanto degli eventi che si desidera tenere sotto controllo. Vediamo come fare.

(altro…)

 

FileZilla: ENETUNREACH – Network unreachable – come risolvere

Un paio di giorni fa mi è toccato risolvere un problema legato all’impossibilità di una macchina di connettersi a un server FTP pubblico con FileZilla, il celebre Client FTP open-source sviluppato dal FileZila Project e disponibile qui. L’errore riscontrato dal programma era il seguente:

ENETUNREACH – Network unreachable

Visto che il server FTP risultava raggiungibile da altre postazioni la mia attenzione si è spostata sul client: per farla breve, è venuto fuori come il problema fosse legato all’antivirus Kaspersky installato sulla macchina e al suo filtro TCP, installato per impostazione predefinita e che sembra essere totalmente incompatibile con il nostro FTP client preferito.

(altro…)

 

Visual Studio 2013 e 2015: Unable to start debugging on the web server. Could not start ASP.NET debugging – Come risolvere

  • Se vi siete imbattuti in questo articolo è probabile che vi sia capitato, al momento di eseguire il debug della vostra Web Application con Visual Studio, di visualizzare il seguente messaggio di errore:

Unable to start debugging on the web server. Could not start ASP.NET debugging. More information may be available by starting the project without debugging.

visual-studio-2013-2015-unable-to-start-debugging

Nel caso in cui abbiate recentemente installato Windows 10 vi consiglio di saltare direttamente al paragrafo Malfunzionamento dell’URL Rewrite Module, che molto probabilmente contiene le informazioni per risolvere il vostro problema. In caso contrario, continuate a leggere.

A dispetto di quanto dichiarato dal messaggio, è improbabile che avviando il progetto senza il debugger si ottengano maggiori informazioni. Fortunatamente, la problematica è piuttosto nota nell’ambiente grazie a numerose segnalazioni su siti specializzati come StackOverflow. La causa, nella maggior parte dei casi, è dovuta all’Application Pool predefinito – solitamente il DefaultAppPool – che è stato arrestato.

(altro…)

 

MySQL – Convertire tutte le tabelle da MyISAM a InnoDB e viceversa

Vi siete mai trovati a dover convertire una, alcune o tutte le tabelle di un vostro Database MySQL da MyISAM a InnoDB e/o viceversa?

Ecco un paio di query che potete utilizzare per compiere l’operazione in modo semplice ed efficiente. Come avrete modo di vedere le query non eseguono i comandi direttamente, ma sono pensate per creare un elenco di query che andranno poi eseguite per ottenere l’effetto sperato. Per eseguirle, copiatele e incollatele all’interno di qualsiasi MySQL GUI o command-line tool, tenendo presente che ogni riga equivale a una singola query.

Per convertire tutte le tabelle di DBNAME da InnoDB a MyISAM

Per convertire tutte le tabelle di DBNAME da MyISAM a InnoDB

Per convertire tutte le tabelle da InnoDB a MyISAM (tutti i database)

 

Per convertire tutte le tabelle da MyISAM a InnoDB (tutti i database)

 

Lo ripetiamo ancora una volta, giusto per essere sicuri: questi comandi non eseguiranno alcuna modifica al vostro DB, si limiteranno a compilare una serie di query che andranno eseguite successivamente – e che andranno, queste si, a modificare il DB.

Per il momento è tutto: felice conversione!

 

SQL Server – Recuperare il Product Key da una installazione esistente

A volte può essere necessario recuperare il Product Key del proprio SQL Server da una installazione esistente: il caso più comune è quello di un Server di una certa età del quale si è perso ogni ricordo di configurazione e che si ha improvvisamente necessità di trasferire altrove, ma può anche capitare di smarrire semplicemente il codice seriale e trovarsi nell’esigenza di doverlo recuperare.

Fortunatamente, l’informazione può essere agevolmente ottenuta tramite l’esecuzioe di questo script PowerShell realizzato da Jacob Bindslet:

(altro…)