Skip to main content

Outlook: “Un programma sta tentando di…” – come risolvere

Se utilizzate il programma di gestione posta Microsoft Outlook e avete installato add-in, componenti di terze parti o altro software che preveda l’utilizzo dello stesso per inviare, ricevere o controllare e-mail, potreste imbattervi in alcuni avvisi di sicurezza come i seguenti:

Un programma sta tentando di inviare automaticamente la posta elettronica. Consentire l’operazione? Se l’operazione non è prevista, potrebbe trattarsi di un virus, pertanto scegliere “No”.

oppure:

Un programma sta tentando di accedere agli indirizzi di posta elettronica memorizzati in Outlook. Consentire l’operazione? Se l’operazione non è prevista, potrebbe trattarsi di un virus, pertanto scegliere “No”. 

oppure:

Un programma sta tentando di accedere a dati di Outlook che potrebbero includere informazioni della rubrica. Consentire l’operazione? Se l’operazione non è prevista, potrebbe trattarsi di un virus, pertanto scegliere “No”.

Approfondisci

WordPress bloccato in maintenance mode: come risolvere

Quando si effettua un update su WordPress – sia esso relativo a una nuova versione della piattaforma oppure a uno o più plugin, temi – il sistema entra in Maintenance Mode, presentando agli utenti il seguente messaggio in colore nero su sfondo bianco:

Momentaneamente non disponibile per manutenzione. Riprovare fra un minuto.

oppure, se avete una installazione in lingua inglese:

Briefly unavailable for scheduled maintenance. Check back in a minute.

Approfondisci

Show My IP: visualizzare l’indirizzo IP e lo User-Agent dell’utente corrente in modo “sicuro”

In estrema sintesi: il tuo indirizzo IP è 54.81.45.122. Per visualizzare anche User-Agent, Proxy-Forwarded IP e Client IP visita questa pagina. Se ti interessano maggiori informazioni sull’argomento, continua a leggere.

Non è infrequente, sviluppando siti e servizi per il web, avere bisogno di conoscere in modo oggettivo l’indirizzo IP pubblico con cui la macchina che stiamo configurando o utilizzando risulta connessa a Internet. Per quanto esistano innumerevoli modi per ottenere questa informazione in modo empirico – ipconfig , interfaccia admin del router et. al. – niente è immediato e inequivocabile come un servizio di tipo “ShowMyIP“. Non è un caso se ne esistono migliaia, tutti più o meno analoghi. Non c’è niente da vergognarsi nell’utilizzarli, specialmente se l’informazione ci serve immediatamente.

Approfondisci

Cambiare la lingua predefinita di IIS dopo l’installazione

Una delle caratteristiche più interessanti del framework .NET è la possibilità di sviluppare applicazioni multilingua con estrema facilità: in un articolo precedente abbiamo già descritto i passaggi fondamentali per impostare un sito web multi-language basato su MVC utilizzando opportunamente i Resource Files, specificando che la stessa tecnica può essere utilizzata per qualsiasi tipo di applicazione .NET: console application, servizio di sistema, desktop application realizzata in Windows Forms o XAML e via dicendo. Chi ha letto quell’articolo sa che, a prescindere dal numero di lingue che ci interessa supportare, abbiamo necessità di impostare una lingua predefinita che sarà utilizzata dalla nostra applicazione utilizzerà in mancanza di un Resource File specifico per la lingua dell’utente: questa lingua predefinita, solitamente l’inglese, può essere specificata nel Web.Config (o App.Config) nel seguente modo:

In mancanza di questa impostazione il sistema – ovvero, nello specifico, l’Application Pool associato al nostro sito web ovvero il thread dedicato alla nostra applicazione – utilizzerà la lingua predefinita del sistema: quella, in altre parole, che abbiamo specificato durante l’installazione del nostro server Windows.

Giunti a questo punto, la domanda diventa inevitabile: c’è modo di cambiare questa impostazione dopo l’installazione? Fortunatamente si: vediamo come fare.

Approfondisci

Saint Seiya Soldiers Soul in uscita per PS3, PS4 e PC

E’ ormai prossimo all’uscita Saint Seiya: Soldiers’ Soul, remake migliorativo di quel Saint Seiya: Brave Soldiers che uscì l’anno scorso in versione PS3: si tratta, inutile dirlo, di un videogame in stile picchiaduro ispirato alla famosa saga anime tratta dal manga di Masami Kurumada e resa famosa dal tratto ispirato di Shingo Araki.

La novità più di rilievo rispetto al capitolo precedente è l’inclusione delle God Cloth, ovvero delle armature recentemente apparse nella nuova serie Soul of Gold uscita nella primavera 2015. Le arene sono state migliorate, così come le animazioni e il design dei vari personaggi, che saranno veramente moltissimi: il trailer rilasciato all’Anime Expo 2015 mostra un roster che includerà tutte le saghe principali del brand, dai bronze saints protagonisti ai cavalieri delle saghe di Asgard, Poseidon e Hades oltre, ovviamente, alle già menzionate God Cloth e alle armature d’oro al gran completo.

Approfondisci

Close